Accedi
  • :
  • :
 

Associazione RBR-World

La storia di RBR-World

Eravamo tutti utenti di un portale chiamato RBR-Online (il primo basato su RBR), il quale organizzava delle competizioni online di rally. Nel 2011, gli amministratori di questo portale decisero di chiudere i battenti e così ci trovammo "a piedi" senza gare e senza campionati; decisi a fare qualcosa, nel settembre dello stesso anno, decidemmo di continuare quello che era RBR-Online creando RBR-World. Anche se inesperti ed alcuni poco inclini alla programmazione informatica, eravamo molto motivati e ci dividemmo i compiti in base a quello che ognuno era in grado di fare, e ciò fu sicuramente di grande aiuto. Andrea Valentini e Carlo D'Orazio erano “gli informatici”, venne trovato un server sul quale potesse essere costruito il sito e la gestione dei tempi, con Andrea che si occupava anche della parte di programmazione dell'utility (il software che permette di gareggiare online), forse la parte più importante di tutte. Simone Ferrari si occupava della parte burocratica e nella gestione degli utenti e di eventuali criticità che venivano fuori man mano che si andava avanti con lo sviluppo. Igor Baldi, Luciano Bordin e Federico Castellani erano i "tecnici" che lavoravano sulle vetture, dai parametri da impostare per dare una simulazione il più veritiera possibile all’estetica dell’auto. Nadir Chiaramonte, era il "tecnico del suono" che creava i suoni delle vetture, selezionando daii suoni dei bang delle varie auto a quelli delle cambiate di marcia; Davide Venturelli e Federico Rigolone erano i grafici, dall'impostazione del sito, ai comunicati stampa fino ad arrivare a un magazine che raccontava tutte le gare dei vari campionati. Andrea Delutti assieme a Stefano Norbedo erano i costruttori di PS, che partendo da zero, tramite una modellazione 3d molto curata, rendevano le loro PS realistiche al 100% nei minimi dettagli. Andrea è stato in grado di replicare alla perfezione la prova costruita per la manifestazione ExpoRally di Brescia, mentre Stefano è stato il creatore della mitica Sweet Lamb percorsa ogni anno dai campioni del WRC in Galles. Alessandro Ceron, infine, era colui che preparava tutto il materiale per essere caricato sul server, in modo da renderlo disponibile prima ai tester per un’accurata verifica di tutti i parametri, successivamente a tutti gli utenti. Ogni componente della squadra aveva poi la gestione del forum e creava di anno in anno regolamenti dei campionati che sarebbero stati disputati durante l'anno. Nel giro di poco tempo avevamo raccolto quasi tutta l'utenza del vecchio portale e accolto dei nuovi utenti, smaniosi di correre e di essere almeno per qualche ora dei piloti di rally in qualsiasi parte del mondo, con qualsiasi macchina a disposizione. Fu subito un successo, tanto da diventare uno dei portali di simulazione di rally più visitati d'Italia e d'Europa; il successo fu talmente grande che iniziarono a chiamarci alle fiere e alle manifestazioni, e, con un partner importante come SIM-SEAT (www.sim-seat.com) fummo presenti a tutte le edizioni di ExpoRally a Brescia, diverse edizioni del Monza Rally a Monza, l'Autopromotec a Bologna e il memorial di Richard Burns in Inghilterra, nella Maram Air Base. Queste manifestazioni ci hanno permesso di crescere ulteriormente, avendo a disposizione moltissimi appassionati dai quali ricevere feedback, positivi o negativi che fossero. Ulteriore conferma che ci stavamo muovendo nella direzione giusta arrivò da piloti del calibro di Kubica, Rossetti, Neuville, Longhi, Pedersoli,… che una volta scesi dal simulatore ci confermavano il grandissimo lavoro svolto e la similitudini con un’auto da rally vera. Fu in quel momento che decidemmo di creare un associazione sportiva per identificare RBR-World come un qualcosa di più che un semplice portale di simulazione, ma il sito doveva essere una community di appassionati che seguiva i rally, che correva durante la settimana sulle strade virtuali del gioco ma che poteva anche dare il proprio contributo a chi ne aveva più bisogno. Attraverso l'affiliazione all'associazione, infatti, tramite il pagamento di una piccola quota che permette tutt'ora ad un utente di partecipare in modo esclusivo ai campionati, ci siamo garantiti la sopravvivenza del sito stesso e la possibilità ogni anno di fare beneficienza a diversi enti locali, ma soprattutto alla Richard Burns Foundation (richardburnsfoundation.com), fondazione creata dai famigliari del pilota, campione del mondo, Richard Burns, scomparso nel novembre del 2005 per un cancro al cervello. La beneficienza però non si è fermata qui, durante il terremoto dell'Emilia del maggio 2012 furono raccolti dei fondi destinati ad una scuola di Novi di Modena, alla quale furono donati beni di prima necessità nel gennaio 2013. Stessa cosa cercheremo di fare per il recente terremoto ad Amatrice, contattando direttamente qualche scuola del territorio per portare dei sorrisi a chi è più bisognoso. Continueremo a donare, alla fondazione di Richard Burns oppure ad altre persone/fondazioni, cercando di aiutare il prossimo. Dopo diversi anni, alcuni componenti storici hanno abbandonato per problemi personali, ma il gruppo ha saputo continuare ed evolversi con l’inserimento di nuovi volontari, come Andrea Bettini, Fabio Gerlo, Massimiliano Deretta, Giuseppe Di Bella, Graziano Casarano, Damiano Poltronieri, Sergio Castellini e la new entry Elia De Guio che a sua volta gestiscono dei gruppi di lavoro autonomi senza i quali RBR-World non avrebbe mai raggiunto questi livelli.